mercoledì 16 aprile 2014

Pensieri di carta

Ho scoperto che piegare la carta è un'attività liberatoria.
Una volta automatizzate le sequenze il lavoro procede da solo
e lascia libero il flusso dei pensieri.

Ogni piega un'idea, un ricordo, una riflessione.
Le mani lavorano e la mente si rilassa.



Mi sta facendo bene questa "disintossicazione" dal web.


Il tempo che prima dedicavo al blog,
mio e altrui, a FB, e-mail e quant'altro
ora si è molto ridotto e sono felice così.


Ho finalmente riscoperto il piacere della creatività
(finché durerà).


Ero presa dall'"ansia di prestazione da blog",
ma grazie alle vostre parole ho capito che non è necessario
essere sempre presenti e vi sono grata per l'affetto che mi avete dimostrato..


Ho piegato carta colorata e carta vintage
(da romanzi che leggeva mia mamma da ragazza),
così immagino che le mie stelline possano piacere sia alle tipe
"Shabby style" che a quelle che vogliono farsi catturare
dall'atmosfera primaverile, allegra e festosa.


Le gru invece, un po' più complesse e delicate,
voleranno via in un arcobaleno di colori.


Perchè queste decorazioni origami
stanno per intraprendere il viaggio che le porterà..
dove?


..ma al Poggio!!!

Ho pensato di dare così il mio piccolo contributo
all'iniziativa "Maggio al Poggio per Serena".

Sono sicura che sapete già tutto,
in caso contrario trovate tutte le info sulla pagina di FB


E ora, visto che dati i miei nuovi ritmi non penso che posterò ancora
prima di domenica, vorrei fare a tutte quante i miei più cari auguri per una

Serena Pasqua

siete speciali e vi assicuro che tra le pieghe di carta sono
nascosti mille pensieri per voi ^__^

martedì 1 aprile 2014

Eccomi qua, più o meno

Sarà la primavera, sarà la stanchezza, sarà l'età che avanza,
sarà forse anche una certa mancanza di entusiasmo,
ma postare regolarmente, o quasi, mi sta diventando sempre più difficile.

Per fortuna riesco bene o male a tenermi in contatto con molte di voi
anche tramite Facebook o Instagram
che sono sicuramente immediati e rubano pochissimo tempo.

In particolare mi sono innamorata di Instagram..
ho tovato molte Igers soprattutto nordiche e francesi
che fanno cose stupende e che seguo giornalmente con parecchio interesse.

E poi mi piace poter documentare con uno scatto veloce momenti della mia giornata
e condividere quello che mi colpisce e che penso possa far piacere anche agli altri.

In più mi sembra che fra tutti i social network, almeno per il momento,
sia quello più "pulito", nel senso che commenti malevoli,
invidie e cattiverie varie in giro non se ne siano ancora visti..
 e spero che continui così.

Ci trovo ogni giorno davvero tanta ispirazione,
per non parlare del fatto che adoro utilizzare i filtri che permettono di
modificare le foto ^__^

E così posto anch'io le mie cosine.
Ora sono in fase "origami".

Ho creato il mio primo "kusudama", un origami modulare
che potete vedere qui sotto.
Mi piace l'accostamento fra le azalee (dono delle mie carissime colleghe
per il mio compleanno) e la palla di carta..


Ma quello che mi stimola di più e tentare di piegare 
la carta con infinita pazienza perottenere queste sferiche 
forme geometriche che mi fanno impazzire (letteralmente)!


E poi via a scatti dal giardino


e di angoli di casa..


nonché foto della rivista JDL di aprile, arrivata oggi fresca fresca con la sua compagna "marzolina"


(stacco pubblicitario:
entrambe le riviste in negozio da ora!)


Spero che abbiate la pazienza di aspettare il mio prossimo post,
chissà quando arriverà, nessuno lo può dire,
ma di certo con le fantastiche e agguerrite blogger
che ci sono in giro potete sicuramente fare a meno di me ;)
Se volete e utilizzate Instagram mi trovate sul profilo


ciaoooooo!!!
^___^

venerdì 14 marzo 2014

News in the shop: Handmade with love

Che io ami il nordico, in tutte le sue sfaccettature, è cosa risaputa.
Quello che invece forse non dico mai abbastanza è quanto io ammiri
i lavori fatti a mano, quelli creati con la passione e con il cuore.

Era da un po' che l'idea mi balenava in testa e finalmente,
dopo i soliti inghippi e le solite attese per problemi tecnici
sono riuscita nell'intento..
Signore e signori vi presento la neonata sezione


del mio negozio.

Alcune fantastiche donne creative, blogger e non,
mi hanno messo a dispozione alcune delle loro creazioni,
della cui bellezza e perfezione non sto a dirvi.

Quindi da ieri potete ammirare prima e acquistare poi (se lo desiderate)
lavori unici e irripetibili, creati ad uno ad uno con la pazienza e l'amore
che sono gli artigiani sanno mettere nel loro lavoro.

Ad esempio, per le amanti del vintage, della patine rugginose e
di quell'aura un po' polverosa e decadente di certi oggetti,
la famosa Madame Lelia (supportata dal insostituibile consorte)
ha creato corone, uccellini, targhe e molto altro..


Il suo stile è veramente inconfondibile!

E veniamo alla signora del crochet!
Michela ha creato appositamente per noi alcuni oggetti
in perfetto stile granny che le amanti del genere non potranno lasciarsi sfuggire..


Il tutto firmato Mami G!

E veniamo ai lievi mobìle e alle ghirlande di Barbara..
Quale bimbo e bimba non ne vorrebbe uno sopra il lettino nella propria cameretta o ad
impreziosire una parete di casa durante una festa speciale?


Queste portano la firma di Oca Gatto Letto..

E infine troverete anche qualche cosuccia fatta dalla sottoscritta. 
Ho bisogno di liberarmi di un po' di porcellana ;)


Ringrazio di vero cuore queste fantastiche ragazze e amiche
che mi hanno supportata con affetto e hanno acconsentito
a realizzare il mio desiderio, mettendo a  mia disposizione la loro bravura..

E non è detto che anche altre artiste del fatto a mano non possano 
unirsi al nostro piccolo gruppo.

Vi invito a fare un salto 
e vi auguro un buon fine setimana!

martedì 11 marzo 2014

Paper love: gru origami

Ve l'avevo detto che sono presa dalla carta!
E questa è la mia fase origami.

Ogni giorno sto cercando di creare una figura diversa
e la prima è stata la gru.


Nella cultura giapponese la gru ha un significato particolare.
Viene realizzata per augurare ogni bene agli ammalati e a chi deve
superare una prova difficile e importante.


Un'antica leggenda giapponese narra che la gru vive mille anni.
Regalare una gru significa quindi augurare mille anni di vita.


Se si vuol chiedere aiuto agli dei allora se ne devono piegare mille
e portarle al tempio della divinità a cui si è chiesto aiuto.


Da centinaia di anni in Giappone si piegano le gru
e io, nel mio piccolo, ho provato a realizzare le mie.


Emma ci sta giocando moltissimo e ho faticato un po' per convincerla
a lasciarmene usare cinque per creare una piccola ghirlanda.


Ma alla fine ce l'ho fatta!


Ed ecco un angolino allegro e beneaugurante di casa Cream Life,
chissà che non mi portino davvero un po' di fortuna ;)

Buona settimana ragazze!